Il concetto ecologico PER ROCHE BOBOIS

Prendendo coscienza delle conseguenze dell’attività dell’uomo sull’ambiente, è stato sviluppato un nuovo approccio alla creazione e alla qualità. Da Roche Bobois, da sempre abbiamo pensato che il concetto ecologico faccia parte integrante di due temi: un prodotto è creativo e di qualità se rispetta l’ambiente in senso lato e quello dei nostri clienti in particolare. Raddoppiamo quindi i nostri sforzi affinché i nuovi prodotti, come quelli già in collezione, migliorino il loro profilo ambientale, non appena viene trovata una soluzione. 


Per fare questo, nel 2012 abbiamo sviluppato lo strumento di valutazione qualitativa ECO6. Questo programma si basava su 6 parametri riferiti a 6 diverse tappe del ciclo di vita di un prodotto. Questo ci ha permesso di mettere in evidenza l’impatto ambientale dei nostri prodotti e ci ha indicato la strada per ridurlo. In questo modo, sono stati passati al vaglio più di 150 nostri prodotti. 


Nel 2015, in collaborazione con FCBA, lo strumento di valutazione si è arricchito per diventare ECO8. Si basa su 4 tappe del ciclo vitale, ognuna analizzata trasversalmente da 2 criteri.

 

ECO8, 4 tappe del ciclo vitale, 8 criteri :

  1. 1Tappa 1 : Profilo materiali
    Criteri : Struttura & Rivestimenti
    • Il profilo dell’impatto sull’ambiente dei materiali utilizzati ed il loro contributo globale per la struttura (fonti rinnovabili, materiali riciclati o riciclabili...);
    • Il profilo dell’impatto sull’ambiente dei materiali utilizzati ed il loro contributo globale per i rivestimenti (fonti rinnovabili, materiali riciclati o riciclabili...);
  2. 2Tappa 2 : Fabbricazione
    Criteri : Finiture & Management ambientale 
    • Le colle e le finiture (tinte, vernici...);
    • Le procedure ambientali adottate dai nostri atelier, come la certificazione ISO 14001 relativa al management ambientale e l'utilizzo di legni provenienti da foreste certificate gestite a taglio controllato;
  3. 3Tappa 3 : Utilizzo
    Criteri : Durata & Consumo 
    • La durata della vita media del prodotto ;
    • La tipologia di illuminazione come la resa elettrica della sorgente luminosa del prodotto (presenza o no di LED, prestazione energetica..);
  4. 4Tappa 4 : Fine della vita dell’oggetto 
    Criteri : Quantità dei materiali & Separabilità 
    • La quantità dei materiali utilizzati (meno materiali permettono di limitare le filiere di rigenerazione alla fine della vita dell’oggetto);
    • La separabilità dei materiali utilizzati (totale o parziale, permette di favorire la loro rigenerazione o no alla fine della vita dell’oggetto);
 

OGNUNO DI QUESTI 8 PARAMETRI HA UNA VALUTAZIONE DA 1 A 4 ; IN SEGUITO VIENE CALCOLATA LA VALUTAZIONE MEDIA.

Convenzionalmente consideriamo che un prodotto è eco-concepito quando ottiene una valutazione superiore o uguale a 3.
Sul nostro sito, tutti i prodotti che sono stati testati come “eco-concepiti” sono indicati con un pittogramma.

ALTRE ATTIVITA GENERALI :

  • La riduzione di emissioni di COV nell’atmosfera dell’abitazione :
    - L’utilizzo (per alcune collezioni) di finiture naturali (eliminazione di vernici poliuretaniche a favore di oli o cere);
    - L’aumento progressivo di pannelli certificati CARB (norma americana relativa alla dispersione di formaldeide, la più esigente in materia).



  • La procedura per ottenere normative e certificazioni dai nostri atelier :
    - ISO 14001 per il management ambientale (il 53% delle nostre vendite di mobili Contemporains applica questa normativa);
    - ISO 9001 per la gestione della qualità;
    - OHSAS 18001 per il management dell’igiene e della sicurezza sul lavoro;
    - FSC/PEFC per i legni provenienti da foreste certificate gestite a taglio controllato. Aumentiamo progressivamente la proporzione dei prodotti a partire dai pannelli e dal legno massiccio, rispettando queste certificazioni.



  • La realizzazione di un guida di eco-concezione rivolta ai nostri designer ed atelier, con lo scopo di rendere metodiche le corrette procedure nell’esercizio quotidiano dello sviluppo dei prodotti; in particolare con l'utilizzo dello strumento di valutazione ECO8
 

 

  • Il riciclaggio:

    - In Francia, nel 2013, in seguito alla definizione della Responsabilité Elargie du Producteur (REP) per la filiera dell’arredamento, i mobili sono oggetto di una colletta per il loro riciclaggio. Per questo motivo oltre al prezzo di vendita, è ormai indicata una eco-partecipazione. Questa eco-partecipazione viene versata integralmente a Eco-Mobilier, l'organismo incaricato della colletta e del riciclaggio dei prodotti recuperati.


    In maniera generale, tutti i mobili sono riciclabili. Vi invitiamo quindi a depositarli in discarica nei corretti settori dedicati ai mobili.

    - Generalmente nel resto del mondo tutti i mobili sono riciclabili ed una parte più o meno importante può essere valorizzata. Al fine di preservare l’ambiente, vi invitiamo ad informarvi sulle modalità di riciclaggio del vostro luogo di residenza
 

Enregistrer