ORA ITO
mobile tv

L. 242,5 x H. 45,5 x P. 62 cm

Design Ora Ito

Le creazioni di Ora Ito sono il frutto della sua filosofia, la "semplicità": l'arte di donare un'apparente semplicità ad una forma complessa. ...

€ 8.110

1 Prodotti

null

Prezzo valevole in Italia, escluse spese di consegna

Tempi di consegna stimati: 10 to 12 weeks null

Modello certificato FSC ™ mista. Questo prodotto è composto da materiali provienienti da foreste certificate FSC™ gestite responsabilmente e da altre fonti controllate.

Mobile TV con 2 ante laterali e 2 cassetti.
Struttura in MDF, finitura in lacca opaca o metallizzata (numerosi colori disponibili).
Piano finito in lacca opaca.

Fabbricazione europea.

logo FSC

FSC ™ (Forest Stewarship Council ™) è una organizzazione internazionale dedita alla promozione della gestione responsabile delle foreste e alla loro preservazione per le generazioni future. Scegliendo questo prodotto, contribuirete alla conservazione delle foreste del pianeta.

eco conceived

Questo prodotto è stato identificato come eco-concepito dal nostro strumento di valutazione qualitativa elaborato in collaborazione con la FCBA*:
è stato valutato positivamente secondo 8 criteri corrispondenti ad ogni fase del suo ciclo di vita.

Design

Ora Ito

ORA-ÏTO è il marchio ed il nome del designer francese nato nel 1977 che all’età di 19 anni ha creato la prima griffe virtuale. Artista iconoclastico, è divenuto famoso in tutto il mondo alla fine degli anni ‘90 grazie alle versioni 3D dei prodotti delle grandi maison internazionali come Vuitton, Apple, Nike o Bic... In seguito alle numerose apparizioni sulle riviste, la fiction diventa realtà quando i clienti cercano di acquistare sul mercato i suoi prodotti virtuali e gli ordini degli internauti piovono così numerosi sul sito internet di ORA-ITO, da farla diventare la seconda opera digitale di tutti i tempi mai acquisita dal Fonds National d’Art Contemporain (FNAC).

Per saperne di più..
Le Mag

HOTEL QUINZERIE, PARIGI

Roche Bobois Contract Paris realizza una nuova collaborazione con l'architetto Philippe Maidenberg.

Leggere questo articolo del magazine Roche Bobois