COLORS
credenza

L. 220 x H. 70 x P. 53,4 cm

Design Fabrice Berrux

Come dei campionari di legno o di vernici, i mobili della collezione Colors - firmati da Fabrice Berrux - giocano con ritmi sincoparti delle variazioni di tono, separati dalle maniglie sporgenti che danno profondità al fronte. Hanno anche una dimensione personale: si possono scegliere liberamente 4 tinte di legno tra 4 tinte di lacca lucida Daquacryl tra una grande scelta, con la possibilità di inserire parti in ceramica tipo pietra o marmo. Intrigante, la posizione di cassetti ed ante la si scopre solo aprendoli. ...

Personalizzazione

Selezione 1

Selezione 2

Selezione 3

Selezione 4

Altri numerosi rivestimenti, colori e dimensioni disponibili in negozio

€ 5.440

1 Prodotti

Prezzo valevole in Italia, escluse spese di consegna

Credenza a 2 ante e 4 cassetti, struttura in Daquacryl®(impiallacciatura di PMMA 3 MM extra lucido su pannelli di MDF CARB 2, numerosi colori disponibili)). Maniglie e piedini in acciaio laccato nero o bianco.

Fabbricazione europea

Altre versioni disponibili in negozio

Credenza - 2 ante - L. 110 x H. 70 x P. 53 cm
Credenza - 2 ante, 2 cassetti - L. 165 x H. 70 x P. 53 cm

Design

Fabrice Berrux

Diplomato alla scuola Nazionale di Belle Arti di Digione, fonda nel 1987 la Società 18 Août creando, editando e commercializzando oggetti Arty, ludici ed ispirati all’arte: FLOWER in omaggio a Andy Warhol, sottopiatto CHAUD-FROID, ispirato alla Land Art.Nel 1991, nasce la società Dix Heures Dix. Alcuni prodotti entrano nella collezione del museo delle Arti Decorative di Parigi e sono venduti nelle boutique dei musei d’Arte moderna di Rotterdam, Dallas, Los Angeles, Chicago e al centro George Pompidou di Parigi. Dal 1997, Fabrice Berrux sviluppa una collezione di lampade in tessuto plissettato, in vetro serigrafato, in altuglass il cui gruppo di lampadine diffonde una bella luce ...

Per saperne di più..
Le Mag

ESPOSIZIONE A PARIGI - UNE AUTRE EMPREINTE

Fotografia e design, due approcci al concetto ecologico.

Leggere questo articolo del magazine Roche Bobois